Archivio per la categoria ‘Economia’

Why Fiscal Compact and ESM won’t save Europe

By Francesco Finucci

The strength in economical policies is founded on the strength of beliefs they are based on. No structure lives when even a feeble impression of will to escape is perceived. But an age of uncertainty as the one following the crisis of 2007/2008 could not be free from a “spirit of plunder”, growing higher and higher with time. The real symptom of disaggregation lies, in the end, in such a phenomenon. No prospect can be imagined if the choice is focused on what to do, and no reflection can be recognized, behind, on what to be.

Some time ago, on the Italian daily newspaper La Repubblica, Barbara Spinelli underlined one of the fundamental elements concerning the European model rose from the recent crisis of sovereign debts. She unveiled a secret that our identity thought desperately tries to cover, the unnamed temptation for a wall1. First shock: the image wandering in European conscience in association with the therm “wall” reminds that so ancient black hole of Berlin during the Cold War. Something’s like a barbaric voice of night hide in places thought as distortions of time come in the civilized world as memory, more than as politics. Something breaking out from the raw mind of an Israeli governor as Sharon, when, in 2002, the decision for a new wall of shame was taken.

We looked with pity, we looked in anger, as a man observing the misery of ants. We cried the disgrace of barbaric thought, inflating Europe with concepts of happy-ending and intellectual rest. Now, how could such a defeatist egg-head bother the rest of the victorious people with such a troubling vision. How could a journalist speak of nonexistent barriers we can’t see. How she dared.

Well, Barbara Spinelli found the question, the same underlined by Richard Sennett, sociologist at London School of Economics: It’s only there, in the capability in doing something with other peoples, with the ones we don’t know, with the ones we don’t like, or at the contrary, sometimes, that we can also consider unpleasant that there can be the way for our future2.

An other shock. What an idea of growth and welfare? Ridiculous! Economics cannot roots on paternalism. We own the right to maintain what we obtained and deserved, in this modern evolutionist conflict. Overlooked the fact that Sennett’s speech is precisely focused on organization in businesses, the real response to such a question, not completely unfounded, can be recognized in the words expressed by -this is not irrelevant- an economist, Barry Eichengreen, professor at the University of California. Eichengreen pointed out how one of the most problematic faces of European crisis (not the only one, as just highlighted by Sennett) could be the one of Trust Deficit3

Eichengreen, during his pitiless analysis, reports three point of deficit in trust.

  • Leaders/Public: The bond liking governments and populations is getting more and more unraveled. The institution of peoples, European Union, is felt, day by day, an empty shell of fear and lack of prospects.

  • Leader(State)/Leader(State): Suspect among representatives is growing higher, moving on the frequencies of finance, of policies beggar-thy-neighbor, of integration as a method of control and control as a method of abandonment.
  • Group/Group: the dominance of suspect as the definition of a system waiting for the order “every man for himself” can be recognized, or even influences a spirit of plunder that’s the real index of the medieval we are playing with.

The elemental function of structuring Europe held by cooperation, as seen, can be considered a common element in those points of view. Nevertheless, the emerging European question regards the same political nature of such an institution. And we’re not speaking about the problem of a lack of a serious political integration, repeated ad nauseam everywhere the word “Europe” is casually whispered.

The system of European Union lies on a tradition linking the western civilization around the phenomenon of political democratization by law. Discovering word as the capability to extend existence, the world survived to WW II gave life to hierarchical schemes elaborated to give response to a founding thought, the one of renaissance, the one of hope: Democracy. Problems, instead, were present, and we saw the consequences. Now is EU under attack, but why? The main reason is the one inter-linking EU and finance. Managing complexity means moving data and resources in enormous quantity. This is the definition of a system that cannot crash. I.e. a net subject to crisis when operators discover how fragile the risk covering strategy is. Where complexity takes over, only trust can hold on reality. The entrance in existence needs a ticket marked with faith.

Trust is the fundament for systems of joint responsibility. Joint responsibility and trust are the two pillards of societies after WW II. Such a building constitues the formula in response to the need for Democracy, a social scheme of entropic free choice, where appartenance is signed with high incidence of casuality and consequently escapes and assaults are determined by details. Fluidity preconized by Zygmunt Bauman some years ago can now be seen more clearly. This is no more fluidity. It’s a game played on the film dividing existence and nonexistence. It’s the complete oxmosys between real and unreal. However, that’s the perception. The one bringing man to law as a churchgoer finding peace in pray. Giving us our daily bread or bringing by its own effort rights, freedom and democracy. One between the two, that’s the same.

But a law, even a constitution, lies on paper. And so, how can it become something real, how can it become really freedom, equity, justice. How can it exist?

Well, we found that palaces, common rules, greetings and declarations could assure existence to principles we needed. As if those mountains of paper could take life, starting to breath and walk. We were the inventors, feeling ourselves similar to these ancestors of Maori tradition, sustaining existence by remembering old songs, by singing. The experiment of supranationality is the highest hazard of our time, because it means that if we fall, we fall together, with or without solidarity. We sang this song of forgetfulness making a deal with disaster, raising the bet.

Unfortunately, the list of errors is so long that only a complete redefinition of targets can save Europe from a slow decline (if we want to consider ourselves lucky).

The first and more significative case of European error is the complete foolery of Schengen Agreement of 1985. Such an agreement clearly shows the dangerous direction taken by European countries (somehow, among other, accepted also by nations out of Schengen Area). The central element justifying the entire system elaborated in Schengen is the one developing the method of exclusive-Europe. It artificially builds a region by closing it under a shield assuring European people from “invasions” by letting culture and identity, contrary to every document signed in forty years, be iced in this long winter we are experiencing. More, everybody knows that different individuals forced to live in the same space, sooner or later, will start to strangle each other. We fear everything’s out, we are starting to hate everything’s in.

The gloomy image of strangers pushing on the barrier went on afflicting European identity, and so European citizens and institutions for decades, stationed within the cracks separating leaders charged with responsibility towards their own countries. Despite a generous production of words we observe an high fragmented system, with high conflict between UE and foreign and latent one among the same European states.4

I would like to underline the aspect of latent conflict, because for a long time we thought, delighted by a celebrated series of philosophers, that the noisy persuasion given by majority would have brought to that not so veiled ethical state we chased with democratization process. Dissents exist, luckily, but conflict exists too, even if a distorted vision of society goes on speaking about armed violence in order to honor this so peaceful clove of world. More. Conflict’s permanence is intertwined with society, sometimes even functional for its survival.

The only way we found was to clean Europe from rubbish. From each drop of evidence that violence remains, even as founding element. We hid it under the rug. We invented sins where administrative offenses were. The case of debt it’s a clear example of this tendency.
The predatory approach to tributary collection in Italy reveals something more than a wrong link between public administration and citizenship. It makes clear a slip from infringement, as temporary condition never damaging the state of individual, to crime, as a precise position, interlinking legal response and ethical consequences in the moral status the individual owns in society.

Because if moral can be judged by exploring successes of the individual, debt is ethical debt, is lack in front of society, even rubbery.
State, at the contrary, divided by corruption, get unraveled in individuals never exactly recognizable as men of State. What have this to do with EU?

Well, the same fragmentation we found in national states, especially the ones characterized by an higher level of corruption, can be recognized in European supranational leadership. The same policy of debt too, evidently.

We arrived to the second big, big error we’re committing.

The notorious fame that Fiscal Compact has get doesn’t need for explanations. The effect on economy of European countries, at the contrary, has to be analyzed.

Fiscal Compact, as known, includes a “budgetary position […] balanced or in surplus” (Art. 3.1). Evidences brought by Eurostat (The European institute for Statistics) point out a medium rate Deficit/GDP in eurozone of 6,2 % (2010). Just take the case of Italy, in table 1. In 2010 Italian quotient between Deficit and GDP was 4.6%. Fiscal Compact

imposes a restrictive limit to fluctuations of Deficit/GDP established as ± 0,5.

Eu countries + UK and Czech Republic Deficit/Pil Eu countries + UK and Czech Republic Deficit/Pil
Austria -4,4 Italy -4,6
Belgium -4,1 Luxemburg -1,1
Cyprus -5,3 Malta -3,6
Estonia 0,2 Netherland -5,1
Finland -2,5 Portugal -9,8
France -7,1 Slovakia -7,7
Germany -4,3 Slovenia -5,8
Greece -10,6 Spain -9,3
Ireland -31,3 Czech Republic -4,8
UK -10,3
Table 1 (Source Eurostat)

That the theory. The provision, photographing reality, was published by the same European Union: Recession (-1,4%) and Deficit/GDP at -2% in 2013, the year chosen to make deficit magically disappear. Obviously the management of spending review is something of terrible difficulty, we already know. But the central question is another one, cried from all around the world to European institutions, the one of time. Time, because the fragile balance between incomes and expenses touches services fundamental to welfare state. It’s the leitmotiv repeated, underlined, reported by famous economists: States expenditure is primary to avoid the fall in poverty of the most weak ranges of population. It means hospitals, schools, pensions and so on. This has not been only claimed from economies where such an instance is rooted in society (for example by the Italian economist Gustavo Piga), but also from nations where the dramatic effect of a pale welfare on society is clear. It’s the case of the appeal to Obama signed by Arrow, Diamond, Maskin, Schultze, Sharpe and Solow, in order to avoid the choice to impose budget balance in constitution. It’s not a mystery the influence of pensions (30,2% in Italy) in state expenditures. Not a news even the idea genially produced to reduce the quotient Debt/GDP to the rate of 60%. The first one emerges as an old demographic issue, especially in Italy. The second belongs to the complex of convergence parameters of Maastricht Treaty. The not marginal problem resides in the fact that reducing expenditure needs time. But, once more, time emerges as the real protagonist of foolery. Foolery always deserves a peculiar attention, if nothing else to assure irony where rage reigns. And rage reigns where governors take foolish decision. As the one of reducing 6% of Deficit/GDP to zero.

We saw how Europe was designed with the principal instance of security. Now security becomes the one of currency by stability of balance. But we forgot the lesson of Eichengreen and Sennett. We forgot how social cohesion may assure real political efficacy more that insignificant institutions clad with good intentions. That trust cannot be built on such procedure:
The Contracting Parties that are subject to an excessive deficit procedure under the

European Union Treaties shall put in place a budgetary and economic partnership

programme including a detailed description of the structural reforms which must be put in place and implemented to ensure an effective and durable correction of their excessive deficits.

It’s not only the arrogance of prestamped solution that horrifies. Responsibility in international relationships has radically changed from Maastricht Treaty. For the first time we tried to assure a new method of supranational policy making, where decisions are taken from authorities interlinked not by a common electoral mandate, but by a precise choice, a pact between peoples. The hypothesis of letting decay the highest, greatest hazard of Europe to assure the miserable return to ownership lead by the strongest one, something like an ordered anarchy, is a nonsense. More. Once disempowered debtor states, we decided to charge a new institution created ad hoc with

the weight of responsibility. We have opted for ESM (European Stability Mechanism), that will replace EFSF since 2013. This the article number 8, 5th comma:

The liability of each ESM Member shall be limited, in all circumstances, to its portion of the authorized capital stock at its issue price. No ESM Member shall be liable, by reason of its membership, for obligations of the ESM. The obligations of ESM Members to contribute to the authorized capital stock in accordance with this Treaty are not affected if any such ESM Member becomes eligible for, or is receiving, financial assistance from the ESM.

No news, it could seem. The problem lies in the historical moment when this treaty has been hypothesized. Tensions among European representatives are spreading rapidly. Declarations on the menace of the new Germanic enemy are quite common. We must not let these voices get place of cooperation. The same line taken by Angela Merkel and Nicolas Sarkozy, some time ago links in common memory the thought of fall of Euro and the one of fall of Europe in conflict. The German chancellor said:

If the Euro falls so does Europe. No one take for granted other 50 years of peace in Europe.

Unfortunately institutions won’t prevent this, and the idea of charging its with all the responsibility is almost suicidal. The reason why can be found by analyzing the principal schools of thought about the problem. We can recognize:

-The school of institution building

-The school of bouncing

-The school escape&gain

-The school of diaspora

The school if institution building is the one of economists, politicians and citizens who cannot forgo from creating rigid structures in order to avoid insecurity. Quite right, we can admit. It’s the line that permitted Rigid Constitutions. As known, however, the United Kingdom has never had phenomenon of dictatorship, while maintaining flexibility of Constitutional structure. Feeling can, sometimes, more than structure. We must understand how much empty is a law without individuals acting with the conviction of its importance.

What is more, as well underlined by Gustavo Pica during a meeting at Sapienza University, criticizing the line taken by Mario Draghi during the same meeting, institution are not edifices that arise in a moment. We needed ten years to assure the functioning of Euro. Do we have so much time?

The school of bouncing is a very interesting phenomenon in the so called “civilized world”. It’s the voice of fear, the one of exclusion as method of soul-washing. More than a voice has claimed the criminal historical responsibility for whom who will put Greece out of Euro. They came from important journals as Il Sole 24 Ore, from economists as Paul Krugman, from important websites of citizen journalism as Agoravox. Sometimes, when tension starts to be unsustainable the idea of expelling the sacrificial victim emerges as the black memory of past (or latent reality hidden with care). I have no doubt that this fear hides a complex of reasons, not all of them founded on interest. Sometimes it happens that the thought of everything we care can bring to bad decisions. However, be sure that another country let descend the stairs of welfare in Europe B, the one where imposing democracy is not so important, won’t change the right idea that strength is right, full stop. The liberal choice taken by France to impose an exclusive weapons commerce with Libyan not-so-democratic troops is an evidence among the others5. Will we change this reality?

The school of Escape&Gain has been supported by Krugman in an excellent and moving article in the American journal New York Times. He said:

What is the alternative? Well, in the 1930s — an era that modern Europe is starting to replicate in ever more faithful detail — the essential condition for recovery was exit from the gold standard. The equivalent move now would be exit from the euro, and restoration of national currencies. You may say that this is inconceivable, and it would indeed be a hugely disruptive event both economically and politically. But continuing on the present course, imposing ever-harsher austerity on countries that are already suffering Depression-era unemployment, is what’s truly inconceivable.6

In my personal opinion, supported also be the entire reading of this article, the words expressed by Krugman are words of provocation, a provocation that resides inside every man who entered in contact with the study of Economics, the feeling of urgency for an arrest of human suffering.

Such a feeling deserves a peculiar attention, especially because of the important element it pointed out: An economy founded on exportation can take great advantage from getting out of monetary union. It can take profit from devaluation of currency and placing on the market its goods. This solution has been proposed especially for Italy, commonly considered an exportation lead country. This would directly exclude Greece and other nations not so strong in international market. Moreover, there are other economical unknowns. We’re speaking about the real competitiveness of economies with a low rate of expenditure in instruction, formation and research, but also about the possibility that the damage produced by the probable devaluation of currency could be higher than the advantage, especially considering the strategical relationship existent among countries about energetic market.

Other unknowns are to be treated further.

In the end, the school of diaspora. Europe has failed, Europe is finished. Who would say that such a vision is still unfounded? When chaos is so heavy no time remains to find the enemy, the only acceptable order is the one of “every man for himself”. Believe me that you would not like to see such a solution take life. Because of an high number of politic reasons, bound also to the choice of Escape&Gain.

Just imagine how high could be the price of something that looks like a dismemberment of European Monetary Union. An unreliable neighbor is a very bad neighbor. It’s not clear what kind of scenery could open in front of an Europe in diaspora. But if the momentary unbalance given by a country abandoning the common currency would be problematic, the one where every nation comes back to the precedent monetary system would be a good laboratory for chaos theory. How much desire will have European countries to exchange each other? If now we feel ourselves so European that an enormous mass of gall clouds reason, then there would be something like medieval crusades spirit.

“But” you could say “no solution remains. Good job. You have just erased each possible resolution. Oh, that’s so easy, the road that brings from critique to escape”.
Yes. Each primary effort was to erase each possibility of solution. Of economic solution. Why? Because European tradition on application of economic theory and realization of jurisprudence was, to be clear, a fall into nothing. Powder.

It’s the false myth of rational choice, the idea of man as an empty bottle to be fulfilled with contents and thrown into the sea. We must restart from humanity as the only real link between men and nations. We must because the European system we’re building is an unstable and unpredictable one. Another reason for the refusal of institutionalist shortcut: the strict code that animates pillars as ESM, EFSF and Fiscal Compact reduces the space necessary for nations for fluctuation of their reciprocal trust. We didn’t try to find a political solution, a return to cooperation among European leaders. We simply forced them to adapt their opposite tendencies, magically transforming them in Guarantees. Such an interesting method of non-persuasion, I think, won’t work with efficiency. It means putting in a bag an enormous amount of money trying to make this the motivation to remain in good terms. No point in underlining how utopic this thought is.

At the contrary, the idea of closing different states in a suffocating box will even increase their tendency to escape. This because of two different reasons.

The first one is related to the nature of such intervention. The speed at which the situation degenerated imposed the exploration of methods already known, and the collision with the sternness of Germany, France and Netherlands worked in this direction. So, we opted for the choice of plumping debt with new debt, in order to assure a future rebirth. Something similar to the American aid system of Marshall Plan. This kind of answer, in any case, works in two different circumstances: In long term and severe recessionary cycles, even if widespread, at the unavoidable condition: provision of growth. I fear there will not be for a long period. In short term, the established hypothesis of a forthcoming turning point. The same response: the idea of a short term is not conceivable.

Moreover, the idea that imposing a strict control will save us from corruption has the same effectiveness of the one that militarizing an area this will be sure. This introduce the second reason why the suffocating box won’t work. We’ll utilize, with high attention and care, an instrument let by Albert Tucker, in fifties, the Prisoner’s Dilemma. The Prisoner’s Dilemma is an important example of Game Theory. It has the worth of separating the choice of economic agent from its effective best interest. Because where cooperation cannot be started, staying certain conditions, a tendency to loss of benefit is predictable.

Tucker took the case of two prisoners who had no possibility to convey. Each of them has two feasible choices:

Stay silent, with the hope that the other one will do the same. Such a cooperation would cause the highest benefit, because this would mean the permanence in jail, for each one of the prisoners, for one month. Confess, knowing that this means being free, dumping the whole guilt on the other prisoner. He will be free, but the other will stay prisoner for one year, if he doesn’t do the same.

Prisoner B cooperate

Prisoner B defects

Prisoner A cooperate

1 month; 1 month

12 months; Free

Prisoner A defects

Free; 12 months

3 months; 3 months

Table 2

The mechanism of Prisoner’s Dilemma can be recognized also in ESM, with the preliminary consideration that each lack of communication may provoke a tendency to escape. The admonishment given by Eichengreen and Sennett remains alive. Where the capability of a society to stay united fails, everything’s lost. This is the bet we are trying to raise, because the choice to putting all the resources together means also the double role of guarantor and debtor, of cop and robber, of judge and defendant. More, it means also a game where the company “Europe” is surrounded by shareholders, each one of them trying to find out who is the one that will bring such a massive holding to bankrupt. Each of them, in the end, is looking for the right moment to leave. Because the counterpart for integration is disintegration. We live together, we fall together.
This way, the strategy of austerity seems always to have a plan B, a secondary exit, like a party where the last remaining has to pays the bill. A really expensive bill.

Let’s think about the kind of behaviour that this “ESM prisoner” will take.

The common cash has been deposited, everybody knows his spending limit. But men have a strange idea of relax, they’re used to narcotize their capability in reasoning. If someone seems to pass this limit, to spend more than how much he can, what will let this companionship united? Violence or Trust. And the first one may act on present, but compromise future, often creating more damages than those it avoided. More, violence is an autocorroborative method. It goes on recreating itself, changing people, drying up bonds.
Hypothizing that violence won’t occour, however, we find a not better scenary. Because a lack of leadership becomes, here, a push towards
beggar-thy-neighbor thought. The relationship between the state who doesn’t respect the pact and the others worsens, but the one among the others worsens too. Because the choice to leave, letting the charge of debt to ESM, is a deep temptation, especially in case of high probability that one of guarantors will go out:

State B stays

State B leaves

State A stays

A pays the partial loss of funds;
B pays the partial loss of funds
A pays an higher loss of funds;
B leaves;

State A leaves

A leaves;
B pays an higher loss of funds;
A leaves;

B leaves;Table 3

The table number three points out how the centrifugal tendency in ESM is not improper use of immagination. Its an element directly conditioned by the trust among states. Because a progressive lack of trust means a progressive augmentation of instability in ESM. If we compare the damage in remaining in ESM while other states leave with the fundamental characteristic of European institution, the one of joint responsibility (namely the fact that the choice of an agent to stay influences the choice of others) such a propensity can be provisioned by now.

If we want to avoid another season of tensions among European leaders we need no institutional declaration, but the common background of a shared strategy. A Strategy founding the idea that European peoples need each other. More. The convinction that we ARE the same people. Such a cultural step cannot be processed in European Parlament, it needs to take to the streets, sweeping away nationalistic rusts raising throughout Europe.

Economical solutions exist. We need a common regulamentation of financial flows and speculation risk taking. We’ll need UK. We need more transparency of bank deposits. We’ll need Switzerland. We need a common, strong and effective legislation on corruption, especially for public administration (the British legislation introduced in 2011 with Bribery Act could help). We’ll need Italy, Greece, Spain. We need, overall, a plan of reduction of debt. How? Well, the central point is that those debt flows are crossed. It can be clear at a glance to data published by the American journal New York Times.

Britain France Germany Greece Ireland Italy Portugal Spain Japan US
Britain 321$ 12$ 326$ 28$
France 22$
Germany 54$ 111$ 88$
Greece 1$ 54$ 19$ 0.3$ 3$ 10$ 1$ 1$ 3$
Ireland 17£ 49$ 3$ 4$ 19$ 11$
Italy 26$ 366$ 10$ 39$ 3$
Portucal 19$ 18$ 33$ 1$ 62$ 2$
Spain 118$ 58$ 6$ 26$
Japan 8$
US 345$ 322$ 324$ 1$ 163$ 796$
Debtor (on lines) and creditors (on columns) in billions of dollars. Source: NYT

As you can see, Japanese and American role in European debt can be considered, quantitatively marginal, almost in states where the crisis of sovereign debt has been deeper (Greece, Ireland, Italy, Portugal and Spain). The hypothesis of cross-debt reduction doesn’t seem, today, a paranormal phenomenon.

Today, because if China will decide to turn its attention on Europe, after having bought part of the American debt, the situation will get harder. The declaration released by Wen Jiabao, Chinese Premier, on February, has been ambiguous, on purpose, in my personal opinion. Something like an attentive waiting for European moves.

At the contrary, we can’t wait, because signs of sociopolitical breakdown are getting graver, lead by some masters of enemy’s creation now finding possibility to emerge. They are nothing. It’s the population that is changing, rapidly and without control. That’s the reason why we need more than economics. We need politics as capability in taking common choices. For example, I stay sure that an higher level of possibilities to move in Europe, to take contact between peoples, a real aid to movement, not the derisive projects for who could also without help, that an higher effort to affirm that we ARE European is the only acceptable solution. This is the reason why I’m also sure that Fiscal Compact, ESM and EFSF won’t save Europe. We will. We’ll do it if we’ll understand that cooperation among nations operates when becomes part of a wider project, the one of human reach for happiness.

We HAVE to stay human. It’s the only way to do almost everything that will endure. We are experiencing dark moments as we had never seen since 1929.

A sense of despair is perceptible, crawls down the streets, infiltrates in everyday life.

In a moment of desolation, however, stays freedom too. Stays the possibility for changing, restructuring reality with new prospects. Stays, indestructible and inalienable, that essence of human nature, the gigantic presence of consciousness, hidden in a corner, stubborn, with the fervent belief that no darkness can extinguish our unique capability to turn the light on, shining in that peculiar shape of hope we call will.

1“La tentazione del muro” by Barbara Spinelli, Repubblica, 22 February 2012.

2“Richard Sennett: Per uscire dalla crisi impariamo a collaborare”, by Paolo Magliocco, Il Sole 24 Ore, 4 April 2012.

3Europe trust’s decific” by Barry Eichengreen,Il Sole 24 Ore, 15 March 2012.

4The center of European civilization reveals, here, shocking similitude with Nuer population, studied by E. E. Evans-pritchard: his model of fragmentation stays valid, revealing how enemies invigorates social cohesion.

5“Parigi presenta il conto a Tripoli. Pressioni sulla Libia dopo il forte calo delle commissioni militari” by Gianandrea Gaiani, Il Sole 24 Ore, 9 October 2011

6“Europe’s economic suicide” by Paul Krugman, New York Times, 15 April 2012

Annunci

Quante cose ha visto questo mondo? Molte, troppe, come una serie infinita di spasmi di un genere che persiste a sopravvivere, nonostante tutto. La scelta di sopravvivere, tuttavia, si fonda sul pensiero permanente ai legami costruiti nel tempo. Si continua vivere, o, al contrario, si va a morire per una famiglia, per dei fratelli, per una nazione. Vediamo attorno occhi sconsolati, domande di fronte ad un evento senza nome. Ad un futuro indistinto ed inquieto. Continuano ad indicarci dei nemici, e guai se ascoltassimo dei rancori vecchi di decenni, follie assolute, lotte di classe, lotte allo straniero, lotte ai paesi plutocratici, che sono, poi, nient’altro che echi delle voci di chi il potere non lo aveva, magari, ma lo voleva a qualsiasi prezzo, anche quello di macchiarsi di sangue.
Quello che dovremmo chiederci, al di là dei discorsi astrusi e astratti è cosa vogliamo che sopravviva. Se sopravvive il corpo, senza un’anima, è vivo o è semplicemente uno zombie che continua a camminare con il solo scopo di vedere il mondo bruciare?

Perché di questo stiamo parlando, di un futuro che è semplicemente l’ultimo spasmo, un’inerzia meccanica di un cuore meccanico. Di un moto del pendolo che non porta da nessuna parte, come è sempre stato nella storia che abbiamo costruito.
Ieri si discuteva della Cittadinanza, di cosa significhi realmente essere parte di una rete di individui che lotta per lo stesso fine. Siamo arrivati, pure con idee diverse, alla conclusione che essa non può essere un semplice certificato, una formula burocratica, ma il simbolo di un’appartenenza, di un aggregato di esseri umani legati assieme da un filo invisibile.

Ripeto, fare discorsi “complicati”, fare della “filosofia” dove esistono problemi concreti, palpabili ed urgenti a volte non serve a molto. Tuttavia rimane, urgente e inaggirabile, una necessità di cambiamento, un rischiarirsi nell’aria senza il quale uscire da questa crisi sarebbe un salvare un corpo, senza permettere che l’anima continui ad esistere. Sonno, morte vivente, coma, la si può chiamare con mille modi, ma l’effetto sarebbe lo stesso, un continuum con il passato che farebbe di questa crisi solo un altro passo (o un altro spasmo) verso l’esaurimento delle prospettive. Da questa crisi possiamo uscire solo in due modi: Più poveri, oppure più poveri, ma più puliti.
….Ok, non è granché come alternativa (e tutto questo senza mettere sulla bilancia il circolo vizioso che una crisi economica può comportare, dove permettessimo il vacillare di un comune senso dei legami).
Tuttavia, alcuni demoni non possono essere abbattuti dalla burocrazia, da una legge, né tanto meno da un incontro ai vertici. Non illudetevi che alcun politico possa risolvere una crisi di questo genere, mai. La politica sembra possa risolvere molto, a volte PUO’ decidere tutto, ma si tratta di un gigante di argilla, se non poggia sugli uomini. La politica nasce dalla cura di ciò che c’è di più umano, da quel sentimento di esistenza ALL’INTERNO di una rete.

C’è una differenza tra Credenza e Fede. La prima è una stringa di codice mentale archiviata e ripetuta su richiesta. La seconda nasce dal concetto di Fiducia, come VOLONTA’ di porre il proprio agire al servizio di un’idea, dove il legame è più saldo, dove essere umani non è semplicemente un fattore biologico, o peggio ideologico e nazionalista, ma un dovere verso sé stessi. I veri demoni stanno germogliando ora, in questi minuti, in queste ore, in questi giorni. Stanno fiorendo da anni, da secoli di crescita ipertrofica e casuale, tra sensi del dovere, sensi di colpa e d’amor proprio. Quel rise up di cui tanto si discute oggi, non deve nascere da moti millenaristici, visioni di un qualche mondo paradisiaco senza smog, senza crescita, senza rom. Né dalla cancrena di discorsi politici vecchi di secoli, da attacchi alle banche, a banchieri grassi e politici in doppio vitalizio.
Si parla ancora di cambiare il mondo, slogan che ci invitano, suadenti, “cambia il mondo con noi”, “vota X, cambiamo questo paese!”. Sarebbe da studiare, quanti mondi avremmo cambiato con tutti questi slogan e manifesti, con queste frontiere più aperte o meno aperte, con questo lavoro più flessibile o più rigido, con queste pensioni più alte, meno alte, ad un età minore, scusate, maggiore, no, uguale, no divisa per sette, radice quadrata e poi elevata alla n.
Il concetto di “cambiare il mondo” implica tre elementi: Un mondo X, determinate caratteristiche da cambiare o mantenere, un soggetto tanto potente da poter maneggiare un sistema tanto vasto e complesso.
La prima e più ovvia risposta è stata data in più occasioni, e non ha avuto in effetti, conseguenze poi così positive, anche se qualche malinconico ancora ci spera. E’ quel monismo politico che è stato sognato da tanti pazzi criminali con il pallino del totalitarismo, da Napoleone in poi, per attenerci alla storia contemporanea.
La democrazia ha poi portato quel processo che con tanta simpatia abbiamo definito partecipazione popolare, una specie di devolution degli amiconi, dell’ “anche tu puoi cambiare il mondo”. In altre parole, una bella e costosa illusione da cui siamo stati strappati improvvisamente e con neanche tanta grazia.

Allora perché spendere (e quindi sprecare, in tempo di crisi) tante parole? Di fronte ad un fenomeno tanto vasto e tanto grave, di fronte ad un peso opprimente su milioni di cittadini, fare filosofia è quasi un’offesa, per prendere le parole di Franco Ferrarotti, il gusto classificatorio dell’imbalsamatore di farfalle.

 

Perché parlare a chi questa abnorme crisi la vive e porre le basi per uno scatto di orgoglio e di coscienza, per un aiuto dato quando non se ne ha voglia, per uno sguardo di intolleranza in meno, per un biglietto pagato, a maggior ragione perché pesa di più, sul cuore prima che sul portafoglio, è la prima cosa che possiamo fare, da umano a umano, per risollevare quest’umanità caduta. Per avere speranza. Meglio. Fede.

Mauro Martini, nell’introduzione a “Memorie dalla casa dei Morti” di Dostoevskij, utilizza queste parole:

La sua narrazione si concentra […] sulla progressiva scoperta dell’intima natura del popolo russo che si offre senza mediazioni di sorta là dove esso è posto direttamente a confronto con la sua autentica missione, che consiste essenzialmente nell’espiazione collettiva di una colpa che trascende i crimini commessi dai singoli”.
Difficile dire quale descrizione, lasciando stare varie ed eventuali missioni del popolo russo, potrebbe fotografare in maniera migliore la condizione di un paese oppresso da un debito pubblico pregresso e e progressivamente andatosi accumulando nel tempo.

Il debito, inutile girarci attorno, riguarda i peccati di ogni individuo che possa dichiararsi appartenente, tifoso o simpatizzante del popolo italiano.E’ per questo preciso motivo che cade nel grottesco l’animata rissa a chi spara lo slogan più grossolano, più animato dal nostro poco convinto populismo. Parlare di un debito che noi non dovremmo pagare perché non l’abbiamo creato noi, scusate, è ridicolo. Possiamo fare decisamente di meglio, anche perché almeno la vena satirica non ci manca. Almeno quella, e finché non riusciranno a togliercela.

La questione del debito pubblico si fonda su un meccanismo fiscale svuotato della sua linfa vitale da un endemico sistema clientelare di cui i famosi “vitalizi”, ora divenuti un terreno di scontro tra “popolo” e “casta”, non sono che l’ennesima, la più grave manifestazione.
La dualistica tra evasione crimine/disobbedienza civile apre, poi, una questione decisamente antica, ma in una chiave decisamente attuale. Perché tale forma di ribellione nasce nei paesi occidentali da un sistema economico che costringe l’individuo sotto la soglia della dignità, ma in virtù di un conflitto endogeno, dove l’individuo è schiacciato all’interno di una mancanza di senso nata dall’incoerenza tra sistema economico e sistema sociale. E’ la coerenza interna del sistema paese a vacillare.

In questa cornice impazzita, poi, nessuno può stupirsi di pacchi bomba lasciati di fronte ad un’associazione a delinquere che da anni sottopone ad un regime di intimidazione creditizia ben oltre il limite della legalità. Se non si fosse capito, ci si riferisce ad Equitalia.
Il problema fondamentale è che il paese ad oggi è una vera e propria polveriera. E ciò che è ancora più inquietante, negli spasmi di questo colpo inferto lascia intravedere immagini che rinviano a più questioni sopite nella nostra storia, dal terrorismo degli anni di piombo alle folle esasperate di fronte ai palazzi del potere.
E non possiamo neanche dire di non meritare del tutto la nostra sorte, a dire il vero.

Perché se la speranza è stata l’ultima a decedere, di certo la prima è stata la cultura, e con essa l’etica e la decenza di saper stare in silenzio quando non si ha nulla di originale da dire. Con Pulcinella che aleggiava nell’aria, una burocrazia oberata da leggi idiote e da consuetudini al limite del farsesco, una mentalità cortigiana e feudale, certo aspettarsi che tutto durasse fintanto che una porzione del bottino era assicurata, è stato il vero atto criminale della nostra storia recente, e in questo siamo tutti colpevoli. Sono, come da titolo, i peccati di ognuno, una sorta di pesante fardello di un neo-feudalesimo della mente e del corpo dove sono spuntati, non a caso, quei nani e quelle ballerine che tanto grotteschi ci sono apparsi sui giornali, quel sultanato che già de facto occupava le nostre cittadine, le nostre imprese e i nostri uffici.

Un sultano è caduto. Complimenti. La politica ha i suoi inutili e farraginosi tempi, ma solitamente non ha molto di buono da combinare. NOI siamo i responsabili di questo paese. E l’unico modo per cambiarlo è cominciare a fare qualcosa che questo paese lo cambi, possibilmente in meglio, anche se di poco. Non sono molto bravo a dare consigli, ma cominciare a pensare, ogni giorno, ad una cosa impossibile potrebbe essere un buon punto d’inizio.

Esiste, nella Storia, una zona d’ombra, un luogo delle masse dove la norma istituzionalizzata nella Legge si incrina, lascia un vuoto, incontra, potremmo dire, una discontinuità. Nel tentativo di riportare ogni cosa sotto funzioni attive, ossia sotto un comportamento predeterminato e socialmente riconosciuto, a volte accade che si sfugga allo scopo di fondo del processo stesso, ossia la continuità e stabilità del sistema socio-economico. Pieno esempio ne sono le rivoluzioni, o le guerre, il momento in cui, come commentava, l’Economist, parlando dell’Italia, ci si chiede: “E ora?”.
La fluidità, componente chiave del dinamismo democratico di cui si è tentato d’investire l’occidente post-bellico, prende il sopravvento sui blocchi istituzionali e istituzionalizzanti della struttura nazionale e internazionale.
Questa stessa fluidità è posta a cardine dello sviluppo antimetafisico imposto alla svolta del passaggio dall’età moderna a quella contemporanea. Con l’avvento della secolarizzazione, ai dogmi sono stati sostituiti i paradigmi, avvolgendo amorevolmente la scienza, nuova fede, di questo spirito positivista dove la freccia del tempo è divenuta l’indicazione di un processo il cui fine è lo sviluppo. Un processo dinamico i cui vertici sono stati considerati Diritto, Economia e Libertà.

Libertà istituzionalizzata nel Diritto, Diritto non più inteso come forma di astrazione di principi dell’Etica, ma come venatura pratica nell’evoluzione della tecnica, e infine dell’Economia. Nel tempo, poi, il Paradigma dottrinario di riferimento è stato più volte posto in crisi, ridefinito, rimodellato, sostituito da uno nuovo o ripreso da un passato idealizzato e decaduto. Libertà, poi Uguaglianza, poi Armonia, Tolleranza, Integrità, Fede, Amore, Odio, Coerenza, Dinamismo, insomma, un enorme calderone di pensieri diversi in continua lotta per la supremazia, per lo status di Paradigma, di verità diffusa, di funzione dietro ad ogni comma, ad ogni tasso d’interesse, ad ogni slogan.

Si è venuta a creare, infine, una nuova metafisica, sono sorti molti dei, ma stavolta gli apostoli, i santi, non risiedevano in un testo, ma, a milioni, miliardi si costruivano l’aureola con poche firme, un’azienda e magari una candidatura. Di più, arrivavano a manipolare i principi, ormai caduti sulla terra, ormai divenuti Diritto, senza che nessuno potesse chiamarli fondamentalisti, perché questa non era religione, ma una questione di diritto, di politica, di affari, di regole che la comunità intera aveva eletto a proprie funzioni attive, come percorsi esistenziali nel contingente. Veniva rovesciato il principio che Diderot esprimeva nell’Encyclopédie, proprio agli albori dell’età contemporanea, per cui l’esistenza all’interno di un sistema di leggi impone all’individuo il rispetto delle stesse, o l’allontanamento. Sono quindi Agisco. No, stavolta è l’azione collettiva normatizzata nelle leggi che pone ciò che io sono, perché Agisco, e solo dopo, Sono.
Si è trattato, insomma di gabbie d’acciaio, di totalitarismi, di dittature feroci del pensiero imposto e della burocrazia soffocante. Ma si è trattato, poi, di gabbie invisibili, di smooth dictatorships, di pensiero unico popolare. Il paradigma come ipotesi base dell’avvicinamento progressivo tra forma di governo e massimo sistema, tra sistema e regime economico, tra schema socio-economico e ideale sociale, ha quindi creato, nella storia recente, non un mostro, un dittatore sanguinario, una legge dell’uno, ma milioni, miliardi di mostri, ognuno dittatore del proprio mondo fatto di imput, elaborazione e output, di un pensiero unico attivo e mai proattivo. Costruito sull’azione come risposta alla contingenza sociale, mai come prodotto di una qualsiasi forma di esistenza intellettuale all’interno del sistema. L’Ipotesi della Democrazia ha finito per indebolire e devitalizzare ogni forma di avvicinamento alla stessa. Zygmunt Bauman pone, giustamente, in “Modernità liquida”, la questione del totalitarismo, criticando coloro che, oggi, pongono come riferimento della critica al potere l’opera di autori quali Orwell e Huxley. Eppure è proprio il “Mondo nuovo” di Huxley che pone oggi l’interrogativo fondamentale della nostra storia recente, sulla comodità, sul fondamento autocorroborante della Video-Democrazia: I pilastri contemporanei della forma triadica Diritto/Economia/Democrazia, come potente immagine, fine ultimo di ogni sforzo della comunità umana, impostisi come modello paradigmatico universale (o quasi), possono davvero imporsi nella realtà umana nel momento in cui vengono affermati?

Thomas, sociologo affermatosi negli Stati Uniti nella prima metà del novecento, ci dice qualcosa in proposito. L’idea che qualcosa esista è, in Thomas, tanto potente da imporsi come reale, nei suoi effetti. Il concetto che la mente degli individui impone sull’oggetto del pensiero è tanto potente da renderne reali alcuni elementi collaterali. Ma non può renderlo esistente. E’ un po’ il principio di Re Mida, il fatto che io pensi di poter trasformare tutto ciò che tocco in oro, non significa assolutamente che questo sia possibile, ma al limite che finirò per indebitarmi per cifre che non riuscirò mai a restituire.

 

Viene a costituirsi, insomma, un deficit d’informazione. Ed è questo il punto fondamentale.

 

L’enorme ampliamento delle conoscenze ha comportato, inevitabilmente, un parallelo processo di specializzazione nella produzione di beni, servizi e conoscenze. Un po’ come l’uomo platonico, alla ricerca del proprio Daimon (Demone, Anima e Dio), l’individuo contemporaneo ha ottenuto dalla specializzazione una forsennata ricerca della professione, un restringimento del range di scelta e, conseguentemente, un inaridimento della sensibilità al flusso d’informazioni esogene. Già indicato da Irti come segnale di svalutazione del background etico degli individui, questo processo si inserisce in un quadro di riferimento caratterizzato da fenomeni ormai consolidati nello schema comportamentale delle democrazie occidentali:
La Videocrazia, intesa come ascesa del potere come controllo del flusso d’informazioni, effettuato tramite l’unico strumento accreditato in una fascia di pubblico abbastanza ampia da risultare influente in un sistema elettorale basato sulla volontà della maggioranza: Il mezzo televisivo.

Speculare alla Videocrazia, emerge la nascita dell’Homo Videns sartoriano, quell’individuo che sa tutto di ciò che vede e nulla sa di quello che non vede.
Infine va considerata la parabola discendente, proposta da Franco Ferrarotti, che conduce dalla Rappresentanza, verso la Rappresentazione. Dall’essere-elemento umano, proiezione di un ente morale, all’essere-oggetto personaggio di una performance appiattita su desideri dell’individuo. Vengono a fondersi informazione e intrattenimento nel mostro in tecnicolor dell’infotaiment.

 

 

Se si prendono in considerazione questi elementi, giunti da scienze tra loro differenti ma tutti esplicativi della nostra comune storia recente, si comprende come parlare di Videocrazia, Homo Videns o discesa verso la rappresentazione, pur comportando forme d’interpretazione della realtà attuale fondamentali, non sia sufficiente.

Alla base di tali fenomeni, infatti, risiede un caso elementare, non semplicemente di deficit, ma di una vera e propria asimmetria incrociata dell’informazione.
Diritto ed Economia crollano, come fondamenti, nel momento in cui si avvera una impressionante polverizzazione delle conoscenze. Ci è stato detto che la legge è uguale per tutti. Ma necessitiamo di un nocchiero dell’inferno, un avvocato per comprendere cosa questo concetto astratto e fumoso vuole esattamente da noi. Sappiamo che lo Spread sfiora la quota 500 punti, ma non abbiamo la più pallida idea dei meccanismi che regolano il mercato dei Titoli, un aspetto strutturale, tanto importante da poter comportare il fallimento di un intero paese. Per questo abbiamo bisogno di un economista, o di un giornalista che cita economisti, o magari di un economista con l’hobby del giornalismo. Abbiamo, insomma, BISOGNO della televisione, che, tra l’altro, il più delle volte agisce da strumento d’informazione ex-post, quando cioè il danno è fondamentalmente fatto.

Video-Democrazia significa, in questa prospettiva, il rovesciamento del rapporto tra Realtà e Ideale: Dato che l’attuale crisi economica lascia nella società civile un amaro senso di spegnimento delle prospettive, si esaurisce qualsiasi spinta del reale verso l’ideale (della Repubblica verso la Democrazia, ad esempio), sostituito da un filtraggio mediatico in cui il differenziale tra principio e forma sensibile svanisce, offuscato dalla prospettiva di un’attività civile che si esaurisce nel dovere d’informarsi mediatamente, nascondendo l’esistenza creativa, pro-attiva, dietro un’esistenza adattiva, il cui fondamento è continuare a muoversi, senza che alcun dover-essere si ponga come scopo all’essere. L’uomo diviene, quindi, oggetto della Storia, perdendo a tutti gli effetti la sua soggettività, lo status di Essere Creatore, dietro il malcelato compenso di un’appagante riflessione che nient’altro è se non una stringa di codici casualmente recepiti, durante l’esistenza, senza nulla apporre, né cambiare. Sostanzialmente, senza alcun Atto di esistenza.

In tutto questo, la fame di conoscere, comprendere, il dubbio ostinato e feroce sono il fondamento essenziale, perché quel “E ora?” non necessiti che di spolverare una risposta vecchia di 150 anni, ma poi non così impolverata, l’evergreen del “Tutto come prima”. Porre fine a questa desolazione è imperativo CATEGORICO, se esistere è prima di tutto pensiero, ma soprattutto Atto nel mondo. Perché, a ben vedere, esistere E’ essere nel mondo. E del mondo, quindi, essere responsabili, perché un essere umano che ha perso la volontà di cambiare il mondo, ha con questo perso la sua umanità.

Ultimamente ne abbiamo sentite e viste parecchie. Più sentite che viste a dire la verità. Lo sguardo di Sarkozy ad Angela Merkel. L’euforia dell’Unione Monetaria Europea nel realizzare ciò che a parole era sembrato, con la nascita dell’Euro, un pilastro fondamentale della filosofia dell’Europeismo, ossia la solidarietà tra gli stati.

Di più. Abbiamo visto, meglio, sentito un’enorme mole di bellissimi discorsi, lunghe discussioni, inviti all’azione. Ecco, l’azione, è questo il punto. Parola e azione, azione e parola. Ci si è molto interrogato sulla dialettica parola/azione, lo hanno fatto filosofi, sociologi, antropologi, psicanalisti e linguisti, politologi e scrittori. Alla parola segue l’azione o all’azione segue la parola? Forse sarebbe salutare se ci fermassimo un attimo.

 

Il dibattito, posto nella forma triadica degli elementi della Parola, dell’Azione e del legame che tra esse intercorre, implica che sulla direzione di questo legame venga a porsi il nodo cruciale. L’esistenza e la natura di questo presunto nesso logico rimane, così, totalmente ignorata. Non solo: il rischio è quello che questa venga considerata una “semplice” questione di Filosofia, una problematica da lasciare sullo scaffale accanto a “Il mondo come Volontà e Rappresentazione”. Nulla di più errato.

A ricordarcelo non è un individuo qualunque, è un certo Milton Friedman, forse il più importante economista del novecento, assieme a John Maynard Keynes.

Neanche a dirlo, Friedman parla proprio di autorità monetarie, asserendo che la politica monetaria deve rispondere ad un principio di coerenza, affinché possa realizzarsi una stabilità dei mercati. La BCE, organismo attorno a cui sta ruotando l’enorme problema del debito nell’eurozona, si fonda, lo ricordo, sul mantenimento della stabilità dei prezzi. Un problema filosofico? Non nel senso classico (e corrotto) del termine. Un problema socioeconomico? Assolutamente.
L’Europa delle democrazie, quella degli ultimi sessant’anni, uscita dagli orrori del Totalitarismo Sistemico (il totalitarismo assurto a condizione endemica in alcune regioni e standardizzato quindi nel sistema complessivo) che sembrava averla ormai fagogitata, non ha saputo che produrre una enorme domanda di carta per documenti, dichiarazioni, dichiarazioni solenni, pentimenti, scuse ufficiali, dichiarazioni d’intenti e timidissime e reverentissime proposte. La Regale maestà è divenuta nel nostro tempo la Democrazia stessa, nonostante l’avvertimento di intellettuali come Aléxis de Tocqueville, che già nell’ottocento metteva in guardia da un’eccessiva fiducia nella libertà conquistata, o di Cornelius Castoriadis dallo smettere di mettere tutto in discussione.
La Democrazia non conosce ordinanze esecutive, è vero, se ne sono accorti(e per ultimi) gli Usa, ed è anzi nemica di qualsiasi forma autoritaria. Di più. Ogni forma di contaminazione tra Democrazia e tale imposizione istituzionale non la porterebbe che in una spirale devitalizzante il cui punto di arrivo è lo Stato Etico.

Ciò premesso, si delinea l’invalicabile confine tra massimi sistemi e forme di governo, in maniera tutto sommato analoga al modus operandi, nella definizione del diverso ruolo che nell’azione umana ricoprono l’Etica e la contingenza. Tuttavia è proprio dal frazionamento dell’identità etica dell’individuo che si genera il frazionamento dell’identità dell’individuo nella storia, e quindi della storia stessa.

L’enorme trauma del più puro orrore nel cuore della “civiltà” (Auschwitz) ha aperto un’immensa ferita che, come ogni ferita della psiche, porta alla rimozione, fino all’ultima istanza, quella della schizofrenia. Ne ho già parlato in un articolo, ma non è questo il punto.

L’interrelazione tra forma di governo e massimo sistema di riferimento implica una questione sociopolitica, oltre che filosofica. Indicare un ideale come meta a cui tendere verso la creazione di una forma di coesistenza pacifica e reciprocamente proficua è cosa fondamentale, ma appartenente ad un orizzonte di analisi ancora superiore a quello del paradosso che resta, ad oggi, da sciogliere, l’irriducibile questione del disagio che negli ultimi tre anni ha tenuto in scacco il sistema monetario europeo e più in generale il sistema che lega reciprocamente molti paesi tramite debiti incrociati, flussi di investimenti e, non ultima, anche se non per tutti, la costrizione ad un’unica politica monetaria.

Il semplice fatto che le organizzazioni internazionali, in questo caso l’Unione Europea stiano letteralmente affogando in questa mole di carta ormai derubata da qualsiasi valore reale, non riguarda semplicemente la ricerca del fatto in mezzo a tante parole.
Le mancanze dell’Europa stanno lentamente emergendo nella loro connotazione puramente economica:
1)
L’instabilità delle relazioni internazionali tra i paesi membri dell’UME, dovute:

A) Alla permanenza di debiti incrociati

B) Alle tensioni riguardanti l’intervento in Libia e, soprattutto, riguardanti la spartizione delle commesse per la ricostruzione del paese.

C) Al metodo di partecipazione, oltre che alla consistenza del fondo
“Salva-stati”, forse l’unica via per evitare un default pilotato in Grecia che rischierebbe di lasciarla insolvente nei confronti dei propri debitori, principalmente Francia, Portogallo e Germania, anche se con importi non altissimi (circa 92 miliardi di dollari), specie se paragonati al debito italiano (444 miliardi, tra Francia, Spagna, Giappone, Usa e UK) o a quello spagnolo (208 miliardi, tra Francia, Giappone, Germania e Irlanda).
1)La sfiducia dei Consumatori e degli Investitori, quindi:
A)Per quanto riguarda i Consumi:
Con un tasso di disoccupazione dell’Unione Monetaria Europea attestato attorno al 10%, le cifre al riguardo non sono drammatiche (escludendo la Grecia al 15%). I dati allarmanti riguardano la disoccupazione giovanile: I disoccupati tra i 15 e i 24 anni sono il 44% in Spagna, il 38% in Grecia, il 29% in Italia, il 28% in Irlanda, 27% in Portogallo, Francia attorno al 23%, con una media della zona-euro attorno al 21%, grazie a paesi come l’Austria (9%), la Germania (8%), l’Olanda (7%). E’ necessario, inoltre, tenere conto di forme di percezione del reddito non rilevabili (lavoro in nero), ma soprattutto dell’incidenza sul tasso di occupazione dei cosiddetto contratti a progetto (in Italia stimati attorno alle 400000 unità), da inserire nel più complesso scenario della precarietà della percezione del reddito, che colpisce 3757000 individui, in Italia, secondo la stima elaborata nel 2007 da Emiliano Mandrone e Nicola Massarelli.

 

B) Per quanto riguarda gli Investimenti:
Un progressivo aumento del rischio dei titoli dei paesi “deboli” dell’Eurozona, segnalato dal declassamento nel rating e dall’aumento : Ancora una volta si parla di Grecia, Portogallo, Irlanda, Italia e Spagna. Quindi meno investimenti, conseguentemente meno occupazione e quindi meno consumi.

La tempesta, insomma, non può essere aggirata, né le si può fuggire, perché ci ha lentamente circondato. Questo non significa che non esista una soluzione, ma questa soluzione richiede alla sua base un fattore, un fattore che non abbiamo mai avuto e che l’Euro stesso ha sempre imposto come prerogativa per evitare un tracollo storico: l’Europa. Altrimenti ciò che porterà ad una revisione della moneta unica non sarà una semplice crisi economica, ma una crisi culturale, che passa anche per una crisi delle conoscenze, l’unico elemento capace di permettere uno sviluppo comune ed equlibrato.
Le necessità perché questo accada sono insite nelle problematiche sollevate non certo da me. Le uniche risposte date fino ad ora sono, dal punto di vista economico, una liberalizzazione delle imprese, con abbattimento dei costi di turn-over e la creazione di una cassa europea, il fondo salva-stati, che rischia di diventare un pozzo dove andare a mettere le mani ogni volta che si è gestita male la politica fiscale (un nuovo falso metodo di finanziare il debito, se si vuole); dal punto di vista politico una assurda e incommentabile rissa di voci più nazionali che europee.
Se non ci decideremo a valorizzare la formazione della conoscenza prima e del know-how poi, se non ci decideremo a sovvenzionare una seria mobilità europea del lavoro e dell’istruzione (vedi le sovvenzioni ridicole agli studenti Erasmus), e se infine non faremo questo con politiche chiare, condivise e trasparenti, beh, allora forse sarà troppo tardi, non per l’Euro, ma per l’Europa stessa, e vedremo così sprecata l’ennesima possibilità di dar vita ad una vera Civiltà. E questa non è filosofia, né tantomeno retorica, è qualcosa che stiamo pagando con denaro fin troppo reale.

L’economista William Nordhaus, in un articolo del 1975, sottolineava il rapporto che intercorre tra politica economica e alternanza parlamentare tra i partiti. Le asimmetrie d’informazione tra classe politica e popolazione, infatti, finiscono per spingere la dialettica parlamentare allo stallo.
Il rapporto tra tassazione e spesa pubblica tenderebbe naturalmente nella direzione più consona al raggiungimento dell’obiettivo del “politicante”, la tanto agognata rielezione. Il vettore naturale, quindi, non sarebbe che quello in direzione dell’aumentare di spesa pubblica. Perché? Nordhaus propone varie motivazioni di fondo, la più interessante delle quali riguarda la condizione per cui l’aumento della spesa pubblica si ritraduce (specie in un paese in cui il pareggio di bilancio non è un dovere costituzionale) in un beneficio immediato, lasciando la necessità di controbilanciare lo squilibrio nel bilancio dello stato alla coalizione vincitrice delle successive elezioni, facendo del deficit un costo futuro. La condizione di insolvenza cronica e, potremmo dire, sistemica, non può decisamente sorprenderci. Come insegnato a qualsiasi operatore economico, infatti, lo Stato non segue che la dottrina del debito come metodo di raggiungimento di beni fuori dall’attuale portata, in base ad una scommessa su una congiuntura favorevole nel periodo in cui sarà necessario coprire questo buco di bilancio.
Certo, che addirittura una nazione scelga, in assenza di una grave necessità (come accaduto all’Italia del “Piano Marshall”), di portare avanti una scommessa così rischiosa potrebbe sembrare inconcepibile. Ma la teoria di Nordhaus mette in luce anche il perché di questo modus operandi.
Il fondamento sta nella dialettica bipolare, endemica e funzionale nel parlamentarismo.

La logica stessa del frazionamento partitico implica che ogni gruppo parlamentare si proponga come portatore di un interesse X. E questo fattore di contatto tra logica politica e volontà civile si contrappone alla continuità dell’azione di riforma, col generare una miopia che tende a raggiungere il patologico nel momento in cui le istituzioni in se stesse sono più fragili. Come ha ben spiegato Franco Ferrarotti, è in questo preciso momento che più si rafforza la politica della performance.

Volti, personalità dove invece dovrebbe essere un ruolo, promesse concesse dall’alto dove invece dovrebbero essere diritti inalienabili. E’ la logica del terremoto di l’Aquila. L’abitazione come manna messianica giunta da una entità ordinatrice in virtù di una precisa volontà, e, soprattutto, dietro ad un ben riconoscibile e sponsorizzato volto. Non lo Stato come compagine sociale, proiezione dei cittadini uniti da solidarietà umana, ma lo stato come instrumentum regni, come macchina piegata dalla volontà di un solo uomo.

Non solo.

Se si amplia il campo d’indagine dal soggetto politico (il partito) al sistema (il parlamentarismo) la criticità rivela la permeabilità del sistema stesso (sempre considerando esogeni e tendenzialmente infiniti l’incapacità e disonestà della classe politica, giusto per dare realismo all’osservazione).
L’endemica miopia nel campo della politica economica, nella lettura di Nordhaus, non può che avvicinare uno stato di congelamento delle dinamiche decisionali, nella logica del bipolarismo, nel momento in cui l’esasperazione della dialettica parlamentare permette il radicarsi di rapporti d’interesse tra elettori ed eletti:
La coalizione A tenderà ad applicare la politica “a” nel tentativo di ottenere l’appoggio elettorale del gruppo X. La coalizione B applicherà la politica “b” per aggraziarsi il gruppo Y. Un tale processo di isterilimento dell’azione politica, prosciuga di ogni vitalità quella che è ad oggi considerata come la massima conquista della democrazia -l’alternanza di governo tra coalizioni opposte- annichilendo sul nascere ogni velleità di cambiamento nel paese. Se A è diverso da B, allora anche a sarà diverso da b, tendenzialmente opposto, e, naturalmente, sommare i risultati di due opposti avrà come unico risultato… il nulla.

La necessità di un diverso processo di interazione democratica tra cittadino e classe politica diviene giorno dopo giorno più urgente, anche solo nell’obsolescenza degli attuali modelli di presenza civile nel dibattito pubblico, in una condizione dove gli stessi spazi di confronto politico, etico e sociale vengono erosi da un progressivo appiattimento dei sistemi d’informazione, coadiuvato dal coincidere tra memoria storica e memoria mediatica.

L’attuale convergenza tra politica e informazione, volta allo stesso obiettivo, quello di rivolgersi allo spettatore/elettore tramite una dottrina di love bombing, non può essere un’alternativa credibile all’associazionismo oligarchico che dalla prima repubblica abbandona ad oggi strascichi di pensiero unico nei movimenti di piazza.
Lo slogan rimane, agli effetti, lo stesso: Il partito sa cosa fare, votalo e proteggerà i tuoi interessi. Ma non esiste etica negli uomini che parlano ai proletari o ai borghesi, alla destra o alla sinistra, agli uomini o alle donne, ai conformisti o agli anticonformisti.
L’unico principio che si possa porre alla base di un diverso rapporto tra governanti e governati è il ruolo del cittadino non come stakeholders di un’impresa, quanto come esseri umani che in virtù della propria volontà scelgono di porsi a guardia di interessi universali alla base di un imprescindibile principio di responsabilità. Solo assumendo che l’indipendenza del cittadino sia un vincolo indispensabile per lo sviluppo dello stato (nella speranza che un giorno ci sia qualche politico nel nostro paese in mezzo a questa folla di politicanti) potrebbe far permeare un qualche germoglio di etica nella classe politica, rendendo accettabile l’idea per cui esercitare il potere non ha come scopo quello di esercitarlo il più a lungo possibile, ma di rendere più vicina la realizzazione del dovere fondamentale dello Stato, quello di assicurare ad ogni individuo la propria personale espressione, in virtù dell’idea che il fallimento dell’espressione dell’individuo rifletta sempre e comunque il fallimento della società stessa.

Alla luce delle ultime scelte adottate da Rupert Murdoch e dall’amministratore di Sky Italia Tom Mockridge, sembra piuttosto evidente la necessità di osservare con attenzione ciò che sta succedendo a quella che è la vera alternativa allo scontro feroce tra Mediaset e quel che resta della Rai.
Il ruolo di mediatore è quello che più si addice ad un sistema satellitare internazionale, capace quindi di accogliere senza remore (perlomeno fino a poco tempo fa) i reietti che, da una parte e dall’altra, vengono silurati ogni qual volta siano sgraditi alla lobby di turno.
Certo, in questi equilibri non vanno dimenticate le tensioni tra Murdoch e Berlusconi, ma in questo caso si parla di tensioni principalmente economiche, e l’economia non guarda in faccia a nessuno, dove ci sia un buon affare. Non è Berlusconi il problema (una volta tanto), quando la concorrenza che Mediaset oppone a Sky.
Non esistono, quindi, molti motivi perché Sky rifiuti un accordo con Mediaset, qualora fosse vantaggioso.

Gli ultimi avvenimenti riguardanti Sky, però, mettono in evidenza il vero lato oscuro della logica insita nella mentalità di Murdoch, che è poi espressione dell’economia post-fordista in sé.
Alla logica fordista del celebre “il tempo è denaro”, Murdoch fonde l’idea, inaccettabile per l’economia classica, che non conti tanto la massimizzazione del profitto quanto quella delle vendite.
In questo modo, il fulcro delle dinamiche che muovono Sky diventa non solo la mercificazione delle idee proposte, ma soprattutto la sparizione dell’idea di valore d’uso, a favore del valore di scambio.
Viene abbandonata così la ferrea regola della razionalità del consumatore.
Il fine ultimo è che il prodotto sia vendibile, e questo assolutamente a prescindere dalla sua utilità.
Naturalmente quest’idea malsana e alquanto cinica non nasce con Murdoch. Il rovesciamento della logica smithiana è già alla base di colossi come Facebook (Zuckerberg), fondato sulla filosofia del dare al pubblico quello che il pubblico vuole.
Il problema di fondo è il momento in cui Murdoch scende in campo.
Se Zuckerberg decide di permettere agli individui di farsi gli affari altrui comodamente da casa, non è altro che la mente al servizio di potenziali utenti preesistenti alla propria azione.
Se invece Murdoch si trova a gestire una piattaforma satellitare capace di inserirsi così potentemente nel sistema mediatico internazionale, rendendo ogni paese un crocevia della stampa internazionale, trattando l’informazione e la formazione come una semplice “questione d’affari”, allora viene meno ai suoi doveri nei confronti del potere che detiene.
Gli ultimi mesi di Sky stanno rivelando un’anomala ventata di spazzatura nella programmazione satellitare, proprio mentre la permanenza di Current nella stessa è appesa ad un filo.
Current rischia la chiusura per motivi che nessuno dei contendenti riesce a provare al pubblico, ma certamente col benestare dei molti che ci vorrebbero ignoranti e comandabili.
Nel frattempo però spuntano messaggi quali The Loft, per donne che “vogliono lavorare, ma solo sul proprio fisico”, “cercano l’equilibrio, ma solo sul tacco 12” e “amano stare sole, ma con tutte le loro amiche”.
Nel frattempo potremo godere di “Grassi contro Magri”, nonché dei sogni di aspiranti modelle interpretate da schizoidi con crisi maniacodepressive, tutto in attesa degli aspirante Marco Carta in vena di farsi insultare nella prossima stagione di X-Factor.

Il potere oggi passa per il sistema mediatico, e finché l’immagine che abbiamo del controllo è quella di marce militari per le strade non potremo comprendere che il controllo più coercitivo è quello che viene attuato quando si riducono i popoli al silenzio mentale convincendoli di essere liberi.
L’idea che tutto sia “una semplice questione d’affari” è esattamente agli antipodi rispetto al coraggio  dei governanti di cui necessitiamo.
E i governanti di cui necessitiamo sono coloro che sapranno rispondere a questa domanda:
“Che specie di idea sei? Sei della specie che scende a compromessi, tratta, si adegua alla società, aspira a trovarsi una nicchia, a sopravvivere; o sei quel tipo di idea cocciuta, intrattabile, inflessibile, che preferirebbe spezzarsi che lasciarsi portar via dalla brezza? Quella di questa specie sarà, quasi sicuramente, fatta a pezzi novantanove volte su cento; ma, la centesima, cambierà il mondo.”1

(altro…)